30.03.2015

Dal CSSDay 2015 di Faenza

30.03.2015

Dal CSSDay 2015 di Faenza

debutta quest’anno, da uno spin-off del jsday, la conferenza dedicata ai front-end developer e al mondo dei css.

venerdì 27 marzo al palazzo naldi di faenza si parte carichi, subito dopo i convenevoli organizzativi, con nove talk seguiti da una folla di professionisti che ha fatto registrare il sold out.

a parte due talk più specifici (uno sui consigli per lo sviluppo su ambiente windows (@pietrobr) e uno sull’email design (@morloi)) il resto dei talk hanno dato spazio a raccolte di best practice, di tool e strumenti di supporto per buona scrittura della parte presentazionale delle nostre interfacce.

ottimi spunti e valide condivisioni delle esperienze dei speaker e di come nel tempo ognuno abbia trovato la propria suite di strumenti e le proprie convenzioni per scrivere css con le seguenti caratteristiche:

  • comprensibile
  • condivisibile
  • manutenibile
  • riusabile
  • scalabile

sono tornato contento con qualche tool in più nella lista e la consapevolezza che si sta affrontando la stessa situazione: il bisogno di lavorare sereni, di testare, di condividere con il resto del team, di costruire sitemi che funzionano e non pagine a se stanti.

unico appunto è che ho avuto la sensazione che la fase di montaggio delle interfacce fosse vista sempre come fase che accade in un preciso momento: dopo la UI e prima dello sviluppo. a parte il talk sulle styleguide di @Fabbrucci in cui si è parlato di MVP, prototipazione e cicli iterativi di sviluppo nel resto dei casi ho intuito un approccio al markup più tosto waterfall. come se il nostro lavoro finisse al momento della consegna del markup allo sviluppatore.

ma il nostro codice non ha necessità di essere condiviso solo tra altri front-end developer. come metto in condizione uno sviluppatore di poter utilizzare gli assets specifici dell’interfaccia?
in che fase del progetto eseguo i test di comparazione? e cosa testo della mia interfaccia quando lavoro sui mock?
una styleguide è utile ma se non è “living” styleguide serve a poco dopo la fase di discovery. e come vengono manutenute le styleguide su progetti che durano mesi e anni? soprattutto, come posso automatizzarne la generazione?
cosa cambia se sviluppo un sito web o un'applicazione mobile web based?
in caso di applicazione modulare come gestisco la logica degli stili per mantenere coerente anche la modularità dell'interfaccia?

tanti temi da trattare e tante domande a cui dare risposta. non resta che segnarsi l’appuntamento del CSSDay 2016 ma nel frattempo proveremo a dare risposte il 29 Aprile all’evento DEV marche organizzato nel cowo di Ancona in cui tratteremo lo sviluppo di front-end su progetti di grandi dimensioni basati su angular.

a presto!